Archivi

Webmail Staff

Webmail Staff

*** MERCOLEDI’ 4 LUGLIO *** (in palestra)

GIRONE C

GNOCCA FRITTA E AFFETTATI – NON TAZZARDARE 78-83 D.T.S. (17-15, 33-27, 49-50, 74-74) GNOCCA: Letizia Degradi 2, Giulia Minervino 6, Francesca Pozzi 2, Davide Caserini, Giulia De Cristofaro 15, Daniele Degradi 23, Andrea Bassani 24, Maurizio Marocco, Matteo Bonassi, Alessio Naffi, Guido Giambastiani 2. TAZZA: Laura Farinello 21, Masha Maiorano 24, Mara Brambilla, Daniele Mereu 7, Marco Marta 3, Riccardo Zilli 11, Paolo Brambilla 13, Marco Malusardi 4, Ettore Barbieri.

Pioggia torrenziale dopo settimane di siccità: respira la campagna binzaghese (peraltro estinta da alcuni decenni), un po’ meno il pubblico, i giocatori e gli arbitri di questa serata forzatamente al coperto. Ma, che si giochi dentro o fuori, il “leit motiv” di quest’edizione sembrano essere i finali punto a punto, ed eccone infatti altri due. Tra Gnocca Fritta e Non Tazzardare è uno scontro diretto fondamentale per restare ancora in corsa. Se lo aggiudica (nonostante l’assenza pesante di Antonini) la Tazza, che era la più “spalle al muro” avendo perso le prime due partite. Dopo il risultato di stasera, nessuna delle due è ancora fuori, ma entrambe dovranno fare un’impresa contro i Belli Freschi, leader del girone. Primo tempo a basso punteggio, canestri sudati e vivacità dialettica (diciamo così) su entrambi i fronti. La Gnocca ha un ispirato Degradi a supporto di Bassani e Giulia De Cristofaro già emersi nelle precedenti due gare: a inizio 3° quarto va a +7. La Tazza difende meglio, recupera palloni e in attacco si affida prima a Paolo Brambilla, poi alla coppia femminile Maiorano-Farinello: e quest’ultima realizza il sorpasso a pochi secondi dalla penultima sirena. Nel 4° periodo si alza il livello della partita, con un bel testa-a-testa a suon di canestri. Dura poco un +5 della Tazza: la Gnocca ripassa avanti, poi si arriva sul 66-66 a circa 2′ dalla fine. Pesante per la Gnocca l’uscita di De Cristofaro con 5 falli, ma il botta-e-risposta continua: Farinello segna il 69-71 per la Tazza su rimbalzo d’attacco, pareggia Bassani dalla media, ancora Farinello con 2 liberi (71-73), Bassani ne mette solo uno, Brambilla idem (72-74) e allora c’è spazio per Degradi che in penetrazione pareggia a -7″. Pasticcia la Tazza, che invece di rimettere dal fondo e buttarsi dall’altra parte, chiede lo stop del cronometro, non previsto dal regolamento del torneo: così il tempo scade e si va all’overtime. Lì però la Tazza si porta subito a +4. Non è finita: tecnico a Mereu, due liberi a bersaglio per la Gnocca, che poi pareggia con Bassani a -50″. A salvare la Tazza ci pensa Zilli con una tripla e due liberi: stavolta è chiusa davvero. Da segnalare che con i 24 punti di stasera, Masha Maiorano è la prima giocatrice della storia di Binzago (uomini compresi) a superare quota 800 in carriera.

GIRONE B

VAM PIRI – 9 METRI DI DIMENSIONE ARTISTICA 63-67 (12-22, 27-31, 42-49) VAM: Marica Assi 3, Anna Colombo 1, Andrea Valassina 22, Simona Zanotti 2, Andrea Miglioli 2, Marco Novati 6, Federico Licheri, Massimiliano Cozzi 2, Tommaso Terreran 10, Gabriella Mancuso 7, Alessandro Gurioli 8. 9 METRI: Elisa Ciani 3, Antonella Contestabile 13, Ilaria Guidi 7, Martina Ghigna 4, Sara Oliveri, Daniele Ronzoni 6, Alessandro Zinni 4, Matteo Mariani 16, Davide Definti 7, Marco Penzo 7.

I 9 Metri non vincevano due partite nella stessa edizione dal loro primo anno a Binzago (2006): ci riescono stasera, con merito (avanti dall’inizio alla fine), anche se è troppo presto per capire se basterà per qualificarsi. L’unico verdetto certo è che i Vam Piri sono eliminati. I Vam fanno esordire l’atteso Gurioli, che però stenta a trovare le misure coi duri ferri della palestra intitolata a don Luigi Ghezzi; anche Terreran non è in gran serata. I 9 Metri invece sono ispiratissimi in avvio, e con 3 triple e 2 contropiedi volano sullo 0-13 in loro favore: non saranno più raggiunti. Cambiato quasi tutto il quintetto, i Vam si mettono in moto ma sono ogni volta ricacciati indietro. Sul finire del 2° quarto, però (non la frazione più bella del torneo, onestamente: parziale di 15-9), uno sprazzo di Valassina rimette in corsa i suoi, sul -4 all’intervallo. Sono bravi i 9 Metri a ricostruire daccapo il loro break, toccando il +17 (29-46) con Antonella Contestabile, Ilaria Guidi e Mariani. Nuova reazione dei Vam per il -7 a fine 3° quarto, ma è sempre una rincorsa vana, un elastico continuo che vede il divario ora restringersi, ora ristabilirsi intorno ai 10 punti. Nel finale, però, il forcing dei Vam riapre davvero la partita. Un paio di canestri di Ronzoni non bastano a frenare la rimonta, agevolata da qualche palla persa dei 9 Metri che consente un contropiede a Terreran e due liberi a Cozzi per il -3 (60-63) a poco più di 1′ dalla fine. Anche sfortunati i 9 Metri, perché un canestro di Oliveri viene giudicato a 24″ scaduti. Poco dopo c’è antisportivo su Miglioli: se lo sfruttassero, i Vam potrebbero addirittura sorpassare. Ma dopo lo 0/2 ai liberi perdono palla: Definti fa 2/2 in lunetta a -30″, Valassina accorcia con una tripla (63-65) ma i 9 Metri saltano il pressing e mandano Ilaria Guidi a segnare il canestro della sicurezza.

Arbitri della serata: Monaco e Ioppolo V.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>